Categoria: Cinema

Salomè, Genio e Passione

Dettagli Opera

Produzione: ALFAFILM

In collaborazione con:

  • Comune di Prato,
  • Fondazione Cassa di risparmio di Prato,
  • Università degli Studi di Firenze,
  • Museo diocesano di Prato

Soggetto, sceneggiatura e regia: Gabriele Cecconi e Francesco Tasselli

Interpreti: Consuelo Ciatti, Teresa Marini, Gianluigi Tosto, Claudio Cerretelli, Andrea Anastasio, Pietro Guarducci

Fotografia: Gianluca Savi

Audio presa diretta: Guido Melis e Alessandro Cerbai

Scenografia: Luciana Tacconi

Montaggio: Gabriele Cecconi, Francesco Tasselli, Guido Melis

(Italia, 2024, colore, 25’)

Il docufilm Salomè, Genio e Passione mostra il particolare intreccio tra passione amorosa e creazione artistica.

La parte documentaristica illustra le caratteristiche degli affreschi di fra’ Filippo Lippi, pittore prediletto dai Medici, realizzati nel 1452 nella cappella maggiore della Cattedrale di Prato. Si approfondisce in particolare il banchetto di Erode con al centro della scena la figura di Salomè danzante, considerato il suo capolavoro. Secondo la storia narrata nei vangeli di Marco e Matteo, Giovanni Battista fu imprigionato perché aveva condannato la convivenza scandalosa del re Erode con la cognata Erodiade. Durante il banchetto per il compleanno del re, Salomè, figlia di Erodiade, danzò in modo così affascinante che Erode le promise qualsiasi premio volesse e la ragazza, istigata dalla madre, chiese la testa del Battista. L’affresco mostra un vasto salone rinascimentale con un ricco tavolo imbandito disposto a ferro di cavallo e Salomè vi è raffigurata ben tre volte in un’unica scena dipinta in continuità, senza nessuna separazione, come se fosse un piano sequenza cinematografico: al centro danza leggiadra e flessuosa, sulla sinistra raccoglie la testa del Battista e a destra porge la testa su un piatto d’argento alla madre Erodiade.

La parte fiction racconta quello che sta dietro questo geniale affresco, l’inizio della storia d’amore tra fra’ Filippo Lippi, più pittore che frate, e la bella e giovane Lucrezia Buti, monaca senza vocazione, che presterà il proprio volto alla stessa Salomè e alle Madonne più belle dipinte dal Lippi, diventando modello di grazia e eleganza per altri artisti nella seconda metà del Quattrocento fiorentino, tra i quali il Botticelli.

 

 

Galleria Fotografica

Madiba

È inverno. In un bosco dell’Appennino toscano un ottantenne sta tagliando la legna con il pennato. All’improvviso sente la canina che abbaia, la cerca e la trova all’interno dell’antica chiesa romanica del borgo medievale dove ormai abita da solo. Sta ringhiando ad un giovane nero tremante dal freddo e dalla paura dentro un sacco a pelo.

Leggi tutto

Natale a Monteoliveto

I protagonisti di questo video cantano, raccontano, ballano perfino. Quello che non ci si aspetterebbe da malati di Alzheimer. Ma è proprio un gruppo di pazienti affetti dalla terribile sindrome al centro del cortometraggio, realizzato dal Laboratorio Multimediale dell’Università di Firenze con la regia di Gabriele Cecconi, da un progetto del prof. Giulio Masotti.

Leggi tutto

Eppure, quando guardo il cielo

Il docu-film, sulla base delle ultime ricerche storiche sull'argomento, racconta gli avvenimenti più importanti accaduti a Prato e in Toscana dopo lo sciopero del marzo 1944 e la conseguente deportazione nei campi di concentramento di Mauthausen ed Ebensee.

Leggi tutto

Luci nel buio

II film, prendendo spunto da alcuni episodi significativi della vita di Roberto Castellani, deportato nel campo di concentramento di Mauthausen e poi in quello di Ebensee, racconta alcune tappe importanti della nostra storia nazionale, dal fascismo fino ad oggi.

Leggi tutto

Domani è un altro giorno

Il film rievoca gli avvenimenti economici e politici più importanti accaduti a Prato tra il 1945 e il 1956, inserendoli però nel contesto generale della storia italiana

Leggi tutto

Prato 1944

II film a soggetto, basato su testimonianze dirette e documenti storici, è composto da quattro episodi.
Il film mette in evidenza i diversi contributi alla lotta di Liberazione, quello delle forze sindacali e politiche della sinistra, in particolare dei comunisti, ma anche quello dei cattolici.

Leggi tutto

Padule, ricordo di una strage

Il film, a soggetto, ma basato su documenti storici e testimonianze dirette dei superstiti, racconta gli eventi del Luglio - Agosto 1944 nel Padule di Fucecchio, quando più di duecento persone furono uccise dai tedeschi, prima di ritirarsi dietro la Linea Gotica.

Leggi tutto